mercoledì 19 ottobre 2016

Brodo di fagioli


I fagioli sono un elemento fondamentale della cucina veneta.
Pasta e fagioli, fagioli in umido, fagioli con acciuga e brodo di fagioli.
Tutte preparazioni solo all'apparenza simili ma con consistenza e gusti molto diversi.
Il brodo di fagioli essenzialmente si usa come base per la pasta e fagioli ma è buonissimo anche da solo. Un ricordo lontanissimo che ho è il mio nonno che teneva da parte l'osso del prosciutto per metterlo nel pentolone con acqua e fagioli e null'altro. Solo quasi a fine cottura aggiungeva il trito di cipolla, sedano e carote, un battuto di lardo o pancetta molto grassa ed aggiustava di sale e pepe. Giurerei che battesse il lardo con la salvia ed il rosmarino perchè il profumo era meraviglioso.
Io vi fornisco una versione più "moderna".

Ingredienti per 4 persone ( porzioni abbondanti)
- 400 gr di fagioli secchi borlotti o meglio ancora la varietà di Lamon
- 2 cipolle
- 1 costola di sedano
- 2 carote
- 1 spicchio d'aglio
- 3 bei cucchiai di passata di pomodoro
- Olio evo
- sale e pepe qb
- qualche foglia di salvia ed un rametto di rosmarino

Fate ammollare tutta la notte i fagioli in acqua fredda ( non meno di 12 ore). Sciacquateli in acqua fredda.
Fate rosolare il trito di sedano, carota, cipolla e aglio in abbondante olio extra vergine di oliva appena appassisce la cipolla aggiungere i fagioli e la passata di pomodoro. Aggiungere dopo un paio di minuti 2 litri di acqua e lasciar cuocere per un paio d'ore abbondanti a fuoco dolce. 
Alla fine aggiustare di sale e pepe ed aggiungere a piacere un trito fatto con qualche foglia di salvia e rosmarino.
Se si vuole una consistenza cremosa si può prelevare alcuni mestoli di fagioli e passarli al mixer.
Buonissimo così il brodo può essere la base per pasta e fagioli. pasta di cottura veloce come tagliatelle o pasta di piccolo formato.
Vi consiglio di farlo e mangiarlo il giorno dopo : è ancora più buono!

Trucco : a volte i legumi anche se lasciati in ammollo molte ore fanno fatica a cucinare, restano sempre "duri". Aggiungete un cucchiaino di bicarbonato nell'acqua fredda e non correrete rischi.
Buon appetito

domenica 12 giugno 2016

Le Fluffose di Monica Zacchia



Buongiorno carissimi,
dopo molto tempo eccomi a voi con una ricetta tratta dal libro Le Fluffose di iFood.
Ho già provato a fare queste torte soffici e morbidissime ma mai al cioccolato!

La ricetta che ho provato è la Fluffosa al cioccolato con copertura bianca e melagrana ( dato il periodo ho usato i ribes del mio giardino)

Ingredienti per uno stampo da 18 cm :
- 160gr di farina 00
-30 gr di cacao amaro
- 200 gr di zucchero
- 80 gr di olio di riso o semi
-120 gr di acqua tiepida
- 4 uova bio
- 1 bustina di lievito per dolci
- La scorza grattugiata di un limone bio

Per la copertura :
- 250 gr di panna
- 250 gr di Mascarpone
- 100 gr di zucchero a velo

In una ciotola capiente setacciate farina, cacao, zucchero e lievito. In una ciotolina emulsionate olio ed acqua utilizzando una forchetta : versate i liquidi nell'impasto e mescolate con una frusta a mano. Aggiungete la scorza di un limone e amalgamate un tuorlo alla volta sino ad ottenere un impasto omogeneo. A parte montate gl albumi a neve molto ferma con alcune gocce di limone e mescolate delicatamente i due composti.
Versate il tutto nello stampo da chiffon cake ( non infarinatelo od imburratelo! mai!) infornate a 160° per 1 ora e 15 minuti. Sfornate e capovolgete la torta per farla raffreddare. Nel frattempo togliete dal frigo il mascarpone e fatelo ammorbidire. Montatelo con la frusta elettrica aggiungendo gradualmente metà dello zucchero ( io ho messo 80gr totali perchè non mi piacciono le creme troppo dolci ma è puro gusto personale).
Quando sarà una crema aggiungete la panna molto fredda alla velocità minima per poi aumentarla gradualmente e versatevi lo zucchero rimanente. 
Una volta che la torta si raffredda si staccherà pian piano dallo stampo, altrimenti aiutatevi con un coltello piatto e lungo da passare attorno ai bordi.
Spalmatela completamente con la crema e decorate con i frutti rossi.

Consiglio : prima di montare la panna tenetela almeno 5 minuti in freezer. Monterà perfettamente.

Il forno l'ho usato in modalità statica ma potete usare anche la modalità ventilata.

Buonissima e soprattutto soffice soffice!



venerdì 15 gennaio 2016

Novità per i golosi e per gli amanti delle nuove esperienze culinarie

Trenta Editore propone :


Slurpdinner.com è la prima piattaforma di social eating che permette di condividere cucina e amici pagando, online, solo una Quota di Prenotazione. Siete pronti a divertirvi, gustare buon cibo e conoscere nuovi amici condividendo le spese in perfetto stile ‘sharing economy’? 

Slurpdinner.com, l’ultima nata tra le piattaforme di social eating, propone un nuovo modo per condividere pranzi e cene risparmiando e divertendosi. 
Nel sito, online da poche settimane e forte di uno stile giovane e accattivante, si può decidere di essere Lord, i padroni di casa che mettono a disposizione la loro abilità ai fornelli, o Slurper, veri e propri golosi che possono scegliere di partecipare agli eventi pubblicati sulla piattaforma in base alle città, al prezzo proposto o, più semplicemente, in base ai gusti del menù, da quelli tradizionali a quelli più estrosi ed esotici. 
Basta registrarsi alla piattaforma, in modo semplice e gratuito, caricare il proprio pranzo/cena/party nel caso del Lord, o scegliere quello a cui si vuole partecipare, nel caso dello Slurper. 
E qui arriva la prima, grande novità: una volta scelto l’evento, ogni Slurper potrà prenotare il proprio posta a tavola, pagando semplicemente la Quota di prenotazione, senza anticipare subito tutto il costo dell’evento che pagherà direttamente al Lord prima o durante l’evento stesso. Ogni Lord è libero di scegliere il prezzo del proprio evento, il sistema calcola e pubblica online il prezzo finale, pari alla cifra stabilita dal Lord (Quota di partecipazione) comprensiva della Quota di prenotazione che corrisponde alla commissione dovuta alla piattaforma per il servizio. Slurpdinner è davvero unico anche per i servizi che offre, tra cui: - i consigli dell’esperto in materia di vino, con possibilità di acquistare e ricevere a casa le bottiglie scelte; - il fotografo a domicilio per immortalare la propria casa e il proprio evento o magari per imparare a scattare in modo più professionale; - il logo di Slurpdinner nei tanti colori della piattaforma per personalizzare i propri messaggi e diventare realmente parte della Community. www.slurpdinner.com 
Ogni utente, inoltre, ha la possibilità di cambiare il colore del sito e del logo in base al proprio umore: social, allegro, pensieroso, in forma, triste e in love, ogni stato d’animo corrisponde a una diversa impostazione grafica del sito. 
Un modo per avere la propria pagina sempre diversa, ma soprattutto sempre molto ‘personale’! 

Siete pronti a divertirvi?