mercoledì 29 aprile 2015

Risotto con le ortiche

Non so se il risotto alle ortiche sia tipico della tradizione veneta ma della tradizione contadina sì di sicuro e siamo in piena stagione per loro! 
Queste piccole "bastardelle" pungono a tradimento ma sono di una bontà unica una volta cotte.
Qui da noi crescono in ogni dove e vogliamo lasciarle lì?
La parte che si usa sono le foglioline in cima, mi raccomando di usare un bel paio di guanti per non avere sorprese!!!
Due belle manciate bastano per un risotto per 4 persone, fate conto che saranno all'incirca 60gr, naturalmente questo va a gusti personali ed io tendo ad abbondare.



Ingredienti per 4 persone:

- 350 gr di riso vialone nano
- 1  litro e 1/2 di brodo vegetale
- 1 cipolla bianca
- 1/2 bicchiere di vino bianco secco
- ortiche 
- olio evo
- 100 gr di formaggio fresco tipo robiola o stracchino
- sale e pepe q.b.

Cottura 20 minuti circa


Lavare e sminuzzare l'ortica, per lavarla ed asciugarla uso la centrifuga per insalata.
Tritare la cipolla e metterla in una pentola con 3 bei cucchiai di olio evo a soffriggere.
Aggiungere il riso e lasciar tostare per un paio di minuti rigirando bene che prenda gusto, aggiungere il vino e sfumare.
Appena si asciuga aggiungere il brodo caldo ed a metà cottura aggiungere anche l'ortica.
Mescolare bene e continuare ad aggiungere il brodo man mano che il riso assorbe.
Quando mancano 5 minuti circa alla fine della cottura aggiungere il formaggio e mescolare energicamente in modo che si mescoli bene.
Sale e pepe io li metto alla fine e dopo aver fatto riposare il riso per un paio di minuti prima di impiattare.
Solitamente uso un formaggio dal gusto delicato per non perdere quello dell'ortica, nel risotto fotografato ho aggiunto all'ultimo della ricotta affumicata.

Buon appetito ^^





domenica 12 aprile 2015

Arrosto di maiale ripieno

Per il pranzo della domenica ho rispolverato il caro e buon arrosto di maiale.
Si sa che la carne di maiale spesso risulta essere secca e un arrosto potrebbe risultare di difficile gestione.
Ma un arrosto in pentola è più gestibile e con una farcitura adeguata anche la morbidezza della carne ne trae beneficio.

Ingredienti per un piccolo arrosto :
- 500gr di arista di maiale
- 2 belle fette di mortadella
- Biete lessate ed insaporite con aglio
- 2 fette di scamorza affumicata
- Vino bianco o birra chiara ( circa mezzo bicchiere scarso)
- 1 bella cipolla a pezzi 
- 1 carota a pezzi
- mezzo dado vegetale

Aprire l'arista e libro e metterci sopra una fetta di mortadella, poi le erbette, le fette di scamorza e ancora mortadella. 
Con dello spago chiudere bene l'arista ed adagiarla nella pentola assieme alle verdure, all'olio e al vino o birra.
Far andare la pentola ( possibilmente con un bel fondo spesso) a fuoco medio basso e coprire bene con il coperchio in modo che il vapore resti all'interno. 
Lasciar trascorrere almeno una mezz'ora di minuti senza aprire per poi girare il pezzo di carne ed aggiungere al liquido di cottura il mezzo dado.
Lasciar cuocere un'altra mezz'ora sempre con il coperchio ben chiuso.
Aprire e controllare il punto di cottura.
Se necessario prolungare la cottura ma non troppo o diventerà duro.
Si sarà formato un bel sughino e il profumo vi conquisterà!
Prima di tagliarlo aspettare che si raffreddi o non riuscirete a fare delle fette regolari e l'arrosto si romperà.
Meglio poi scaldare le fette nel liquido di cottura prima di servire per consumarlo al meglio, sarà più gustoso e succulento.

Per legare gli arrosti uso dei simpatici lacci di silicone facili e pratici creati apposta per lo scopo e lavabili in lavastoviglie. Si tolgono in un attimo e non si conficcano nella carne come lo spago. ;-)

lunedì 6 aprile 2015

Spezzatino con i carciofi

Tutta presa dal menù pasquale ... naturalmente mi ammalo e rischia di saltare tutto. 
Il tempo e la voglia di girare per compere ed acquisti vari è sotto zero ma bisogna farsi forza.
Un salto dal macellaio di paese , non molto economico in verità ma con carne ottima, è d'obbligo.
E scopro con sommo piacere che al mercoledì applica uno sconto del 20%!
Ecco lì un pezzo stupendo di manzo che già mi immagino in pentola, l'idea dello spezzatino è immediata ma poi penso : spezzatino... a Pasqua... mah... magari con altre verdure e niente pomodoro...
Lo prendo e via a casa.
Riesumo la mia adorata pentola in ghisa e si comincia.


Ingredienti per 6 persone :
- 1 kg di carne di manzo da tagliare a pezzi non troppo grandi
- 5 bei carciofi puliti e tagliati a spicchi sottili
- 1/2 bicchiere di vino bianco o marsala
- 5 bei scalogni tagliati anch'essi sottili
- 2 patate medie
- Olio evo
- 1 litro di brodo vegetale caldo
- sale e pepe

Dopo aver tagliato la carne a pezzi non troppo grandi si mette la teglia sul fuoco più piccolo del fornello con un bel giro d'olio e lo scalogno. Si aggiungono subito la carne, le patate a spicchi ed i carciofi sottili sottili, facendo insaporire per un paio di minuti girando bene. 
Mettere il vino e far sfumare poi coprire tutto con il brodo.
Coprire con coperchio ma lasciare un cucchiaio in mezzo per permettere al vapore di uscire.
Lasciar cuocere a fuoco dolce per almeno un'ora e mezza anche due.
Aggiustare solo alla fine di sale e pepe.
Lo spezzatino è più buono se preparato il giorno prima, tutto così prende più sapore e la carne sarà ancora più tenera.
Volendo prima di servirlo si può aggiungere un po' di prezzemolo tritato.
Buon appetito ^^


I carciofi van puliti bene, si tolgono le foglie più dure, si tagliano le punte, si apre a metà e con un coltellino si toglie tutta la peluria del fondo. Fatto questo si possono tagliare al spicchi sottili sottili e saremo sicuri che si cuoceranno e diventeranno belli teneri.